La pietra contraddistingue il territorio della valle della Giara di Rezzo e i propri abitanti, affinando, nel corso dei secoli, le conoscenze e le tecniche di lavorazione, riuscirono ad eccellere in tutto il ponente ligure realizzando elementi decorativi applicati nella locale architettura. Le opere più rilevanti e conosciute sono sicuramente quelle attribuite alla scuola degli scalpellini di Cenova ai quali l’Amministrazione Comunale, in collaborazione con la Comunità Montana dell’Olivo ed Alta Valle Arroscia, ha voluto dedicare il museo “Strade di pietra” ( scarica la brochure).

Il museo è articolato in due sezioni:
La prima quella di Cenova dove si trova il museo dei lapicidi (scarica il video).
La seconda costituita da tre diversi percorsi che, articolandosi nei centri storici del capoluogo e delle frazioni, permettono di ammirare i vari elementi decorativi, il loro impiego, e, in alcuni casi, il loro successivo riutilizzo.
Sulle Planimetrie dei centri storici, scaricabili dai link che seguono, è possibile trovare, ad ogni punto contraddistinto dal una lettera e un numero, un manufatto vicino al quale è stata posta un targhetta descrittiva.
Scarica la piantina di Rezzo
Scarica la  bochure di Rezzo
Scarica la piantina di Cenova
Scarica la bochure di Cenova
Scarica la piantina di Lavina
Scarica la bochure di Lavina